Oggi vogliamo presentarvi un artista conosciuto a Lucca Comics and Games, si tratta di Fabrizio Spadini che esporrà il suo lavoro il 4 e il 5 maggio a Bologna per cui ve lo presentiamo così se siete in città questo weekend non potete assolutamente perdervelo.
L’opera di Fabrizio è una meravigliosa commistione di futuro e modernismo e passato e classicismo, partendo dal mondo sentitamente macchiaiolo elabora la regola dell’elemento inatteso, ed estraneo: il robot.
Futuro Anteriore (il titolo scelto per il progetto esposto a Bologna) si compone di opere pittoriche e grafiche: tele, tavole, disegni, che celebrano un mix tra il linguaggio pittorico del realismo ottocentesco, appunto dei Macchiaioli toscani, ed elementi dell’immaginario giapponese dei cartoni animati, soprattutto le serie degli anni ‘70 e primi anni ‘80. (Con un’attenzione particolare alle serie animate mecha).

Futuro anteriore appartenente all’infanzia, in alcuni casi già raggiunto e oltrepassato dal nostro presente, tuttavia disattendendo le aspettative di un futuro immaginato e raccontato attraverso le vicende di personaggi, eroi e anti-eroi, che hanno contribuito alla costruzione di un immaginario collettivo che ha assunto la veste del mito, di un’infanzia resa mitica in quanto tale, ma non solo.

Ricordo, immaginazione, sogno, appaiono in accostamenti surreali, a volte in relazione con personaggi e attori di un’economia rupestre, a tratti crepuscolare, a volte come grossi macchinari agricoli inutilizzati.
Il mondo di Futuro Anteriore sorprende e affasciana perchè così lontano e così vicino.
E quindi a tutti i nostalgici e ai curiosi buona visione.

La casa di Savio


I confine


Il giuramento di Ippocrate


Cometa Rossa

Campagna d’Africa


I Giardini di Piero

Docroston

Guinigi

La battaglia di Anghiari


Il Silos


Pineta di Castiglioncello

Noriko


Polvere

 

L'autore