Letteralmente “a scodella”. Robe da calcarsela davvero in testa e tagliare ciò che rimane dei capelli. Un taglio difficile, certamente, ma se sul viso giusto, ah … non ce n’è per nessuno! Prendete nota già da subito come introduzione al discorso: pianificate di dover andare dal parrucchiere una volta in più perché un taglio così va mantenuto e curato alla perfezione, con precisione geometrica. Direttamente dagli anni ’60 (no, non da Fantaghirò), questo taglio nacque con le minigonne, esattamente dalla stessa mano della creativa eccentrica Mary Quant. Sicuramente è adattissimo a chi ha capelli lisci e ovali appuntiti e fini, meglio se con nuance uniformi a dispetto degli ultimi trend coloristici da mini-pony. Che sia il vostro carattere a decidere.

“Il nome della Rosa” docet.

A’ la prochaine

6bdf18a7d763d78c15741428373d35b4 9e9981cfe307dcb1e355d91dd549f009 27a41e9b6f683c96a6c975a21c61433c 439d26386892aef09d39f16ff8f9ab22 914c04c46db6372e10377dd1f524e52f a987b501d04ecfe278c9f6b059bd5db4 b6f99710ca48cd919105f219809b9ea3 dec356836511dd90a37bdf04a8ec30b5 eab924efbaf59c79d560283064c170d2 efb76a8af822faf97a2e1d220e33a807 fde032a33887be0c5c8d0f2e1c0ebd87 fe1e8f665aa808b4b52923b6b3326f9d

L'autore

Claudia Tasca

Claudia Tasca

Creativa attiva, Claudia è laureata in archeologia e lavora come fashion assistant.